Utilizzo dei cookies
Il sito utilizza cookie proprietari per le proprie funzionalità. Continuando la navigazione accetti il loro utilizzo. Ulteriori informazioni -
Fornire agli operatori gli elementi di conoscenza utili per la messa a punto di strategie commerciali sui mercati nazionali ed esteri.
Fornire agli operatori gli elementi di conoscenza utili per la messa a punto di strategie commerciali sui mercati nazionali ed esteri.
Fornire supporto tecnico di conoscenze e relazioni per monitorare l'evoluzione delle problematiche legate ai livelli di residui, alle certificazioni, alle barriere fitosanitarie.
Fornire supporto tecnico di conoscenze e relazioni per monitorare l'evoluzione delle problematiche legate ai livelli di residui, alle certificazioni, alle barriere fitosanitarie.
Realizzare progetti per valorizzare e promuovere l'ortofrutta in Italia e all'estero.
Realizzare progetti per valorizzare e promuovere l'ortofrutta in Italia e all'estero.
Rafforzare l'immagine del "Sistema Italia" e favorire nuove opportunit&aà di business nei nuovi mercati.
Rafforzare l'immagine del "Sistema Italia" e favorire nuove opportunit&aà di business nei nuovi mercati.
Home > Dossier > La PLV ortofrutticola in Italia / 2013
Dettagli dossier

La PLV ortofrutticola in Italia / 2013

23/02/2015
Immagine del dossier:

La PLV agricola italiana, secondo gli ultimi dati INEA, ha raggiunto nel 2013 (ultimo anno disponibile) oltre 45 miliardi di euro, in aumento del 4% rispetto al 2012, +8% se il confronto viene effettuato col triennio precedente 2010-2012.  

La voce principale che compone la PLV agricola rimane l’allevamento, con una rappresentatività che sfiora il 40% del totale; i 17,5 miliardi di euro risultano pressoché stabili rispetto allo scorso anno (+1%).

Il settore ortofrutticolo ha un’incidenza percentuale pari al 29%, di cui patate e ortaggi (escluse olive) detengono il 16% e la voce “a frutto annuo” conta il 13%. In valori assoluti, il comparto ortofrutticolo nel 2013 si è attestato complessivamente su 12,7 miliardi di euro, +9% rispetto al 2012 e +10% rispetto alla media 2010-2012. Andando maggiormente nel dettaglio, patate e ortaggi (compresi orti familiari) si posizionano sui 7,5 miliardi di euro, in aumento del 5% sul 2012, maggiore invece l’aumento del comparto frutticolo che conta 6 miliardi di euro (+12% rispetto allo scorso anno).

Seguono in ordine di importanza cereali ed i prodotti trasformati, con valori rispettivamente di 4.6 e 4.3 miliardi di euro, in flessione del 7% nel primo caso, massimi livelli invece per i prodotti trasformati che si attestano sul +19% rispetto al 2012.

Scarica il documento allegato per continuare la lettura.

Documenti allegati al dossier: