Utilizzo dei cookies
Il sito utilizza cookie proprietari per le proprie funzionalità. Continuando la navigazione accetti il loro utilizzo. Ulteriori informazioni -
Fornire agli operatori gli elementi di conoscenza utili per la messa a punto di strategie commerciali sui mercati nazionali ed esteri.
Fornire agli operatori gli elementi di conoscenza utili per la messa a punto di strategie commerciali sui mercati nazionali ed esteri.
Fornire supporto tecnico di conoscenze e relazioni per monitorare l'evoluzione delle problematiche legate ai livelli di residui, alle certificazioni, alle barriere fitosanitarie.
Fornire supporto tecnico di conoscenze e relazioni per monitorare l'evoluzione delle problematiche legate ai livelli di residui, alle certificazioni, alle barriere fitosanitarie.
Realizzare progetti per valorizzare e promuovere l'ortofrutta in Italia e all'estero.
Realizzare progetti per valorizzare e promuovere l'ortofrutta in Italia e all'estero.
Rafforzare l'immagine del "Sistema Italia" e favorire nuove opportunit&aà di business nei nuovi mercati.
Rafforzare l'immagine del "Sistema Italia" e favorire nuove opportunit&aà di business nei nuovi mercati.
Home > News > La pera IGP dell'Emilia-Romagna rinnova il disciplinare
Dettagli news

La pera IGP dell'Emilia-Romagna rinnova il disciplinare

Dopo un lungo iter burocratico sono state approvate le modifiche al disciplinare di produzione
16/10/2017
Immagine della news: La pera IGP dell'Emilia-Romagna rinnova il disciplinare

Un avvio di campagna con tante novità per il Consorzio della Pera IGP dell’Emilia Romagna che pochi giorni fa ha ottenuto l’avvallo delle modifiche al disciplinare di produzione dopo il lungo iter burocratico di valutazione da parte degli organismi competenti. 

Il nuovo disciplinare sarà operativo da questa campagna per tutti gli aspetti relativi al post raccolta e alla commercializzazione e dalla prossima anche per le nuove indicazioni sul pre-raccolta (rese, sesti d'impianto, nuovi comuni).

Il nuovo disciplinare sarà operativo dal 31/10/2017, ovvero 20 giorni dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Oggi - dichiara il Presidente del Consorzio Piergiorgio Lenzarini - abbiamo un disciplinare più coerente con le esigenze della produzione.

Sono entrate a far parte del gruppo IGP anche le due varietà precoci Carmen e Santa Maria e per questo risulta ampliato il calendario commerciale. Abbiamo aggiunto alcuni comuni del territorio di produzione che erano rimasti fuori; abbiamo modificato il numero di piante per ettaro e le indicazioni per la conservazione e la commercializzazione.

Abbiamo mantenuto inalterate o innalzato - conferma Lenzarini - le indicazioni volte ad ottenere un prodotto di alta qualità come il grado brix minimo o il calibro minimo commercializzabile con il marchio IGP.

Ritengo - conclude Lenzarini - che la pera IGP con le novità messe in campo, sarà un valido strumento per rafforzare l’identità della pera Made in Italy che, come sappiamo, è concentrata quasi completamente in Emilia Romagna”.