Fornire agli operatori gli elementi di conoscenza utili per la messa a punto di strategie commerciali sui mercati nazionali ed esteri.
Fornire agli operatori gli elementi di conoscenza utili per la messa a punto di strategie commerciali sui mercati nazionali ed esteri.
Fornire supporto tecnico di conoscenze e relazioni per monitorare l'evoluzione delle problematiche legate ai livelli di residui, alle certificazioni, alle barriere fitosanitarie.
Fornire supporto tecnico di conoscenze e relazioni per monitorare l'evoluzione delle problematiche legate ai livelli di residui, alle certificazioni, alle barriere fitosanitarie.
Realizzare progetti per valorizzare e promuovere l'ortofrutta in Italia e all'estero.
Realizzare progetti per valorizzare e promuovere l'ortofrutta in Italia e all'estero.
Rafforzare l'immagine del "Sistema Italia" e favorire nuove opportunit&aà di business nei nuovi mercati.
Rafforzare l'immagine del "Sistema Italia" e favorire nuove opportunit&aà di business nei nuovi mercati.
Home > News > Dal 22° Fòrum del Préssec d'Alcarràs si conferma in Europa il calo produttivo di pesche e nettarine
Dettagli news

Dal 22° Fòrum del Préssec d'Alcarràs si conferma in Europa il calo produttivo di pesche e nettarine

Le stime produttive di pesche e nettarine in Europa, aggiornate al 24 maggio 2018, confermano il calo produttivo preventivato già ad inizio maggio.
25/05/2018
Immagine della news: Dal  22° Fòrum del Préssec d'Alcarràs si conferma in Europa il calo produttivo di pesche e nettarine

In Europa sono previste a livello complessivo 3.670.000 tonnellate, -8% sul 2017.

Se escludiamo le percoche, prevalentemente destinate all’industria, il calo produttivo arriva al -11% sul 2017.

Solo la Grecia evidenzia produzioni in crescita, mediamente di un +20%, incremento che però influenza a livello europeo in particolare la produzione di percoche, perché maggiormente presenti in questo paese.

In calo la produzione in Spagna, che con poco oltre 1.500.000 tonnellate, segna un -11% sul 2017 a livello complessivo di specie. La diminuzione rispetto allo scorso anno è più consistente nelle zone medio/tardive di Catalogna e Aragona, dove le pesche sono previste inferiori del -15% e le nettarine del -18% sul 2017. Nelle regioni più precoci, Murcia, Estremadura, Andalusia le diminuzioni si attestano al -7% per le pesche e al -13% per le nettarine.

In base alle stime di CSO Italy, prevista in diminuzione anche l’offerta italiana, -16% sul 2017 con le aree più precoci del Sud che dovrebbero scendere di oltre il 20% e il Nord previsto in calo del 13% sul 2017.

Infine la Francia con circa 200.000 tonnellate dovrebbe flettere del 10% sul 2017.