Fornire agli operatori gli elementi di conoscenza utili per la messa a punto di strategie commerciali sui mercati nazionali ed esteri.
Fornire agli operatori gli elementi di conoscenza utili per la messa a punto di strategie commerciali sui mercati nazionali ed esteri.
Fornire supporto tecnico di conoscenze e relazioni per monitorare l'evoluzione delle problematiche legate ai livelli di residui, alle certificazioni, alle barriere fitosanitarie.
Fornire supporto tecnico di conoscenze e relazioni per monitorare l'evoluzione delle problematiche legate ai livelli di residui, alle certificazioni, alle barriere fitosanitarie.
Realizzare progetti per valorizzare e promuovere l'ortofrutta in Italia e all'estero.
Realizzare progetti per valorizzare e promuovere l'ortofrutta in Italia e all'estero.
Rafforzare l'immagine del "Sistema Italia" e favorire nuove opportunit&aà di business nei nuovi mercati.
Rafforzare l'immagine del "Sistema Italia" e favorire nuove opportunit&aà di business nei nuovi mercati.
Home > News > Produzione italiana di kiwi ancora deficitaria per il 2018
Dettagli news

Produzione italiana di kiwi ancora deficitaria per il 2018

CSO Italy rileva un calo rispetto alle stime di settembre
17/12/2018
Immagine della news: Produzione italiana di kiwi ancora deficitaria per il 2018

È terminata proprio in questi giorni da parte di CSO Italy la quantificazione della produzione 2018 italiana di kiwi verde.

Rispetto alle stime di inizio settembre la produzione è risultata nettamente più contenuta, soprattutto a causa degli importanti eventi atmosferici avversi che sono intervenuti nella fase autunnale antecedente alla raccolta.

La produzione commercializzabile di kiwi verde, destinata quindi al mercato del fresco, è infatti risultata pari a circa 333.000 tonnellate, su livelli molto simili a quelli del deficitario 2017 (+1%) e inferiori del 30% alla media del quadriennio 2013-2016.

Le stime sono risultate in calo rispetto alle previsioni di settembre soprattutto in regioni come Lazio, Emilia Romagna e Veneto.

"Siamo di fronte, quest’anno, per la seconda volta consecutiva ad una stagione del kiwi verde all’insegna di volumi molto al di sotto della potenzialità produttiva del nostro paese – dichiara Elisa Macchi – Direttore di CSO Italy – già nel mese di settembre le stime indicavano un’offerta certamente non eccedentaria, quello che è successo tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre, naturalmente non prevedibile con le stime di settembre, ha ridotto i quantitativi in diverse regioni d’Italia.  La qualità del prodotto a consuntivo è risultata buona, migliore di quella dell’annata precedente. Il mercato, partito un po’ ritardo a causa delle raccolte che si sono prolungate oltre la norma, si sta progressivamente vivacizzando con ritmi di vendita in linea con il periodo di riferimento".