Utilizzo dei cookies
Il sito utilizza cookie proprietari per le proprie funzionalità. Continuando la navigazione accetti il loro utilizzo. Ulteriori informazioni -
Fornire agli operatori gli elementi di conoscenza utili per la messa a punto di strategie commerciali sui mercati nazionali ed esteri.
Fornire agli operatori gli elementi di conoscenza utili per la messa a punto di strategie commerciali sui mercati nazionali ed esteri.
Fornire supporto tecnico di conoscenze e relazioni per monitorare l'evoluzione delle problematiche legate ai livelli di residui, alle certificazioni, alle barriere fitosanitarie.
Fornire supporto tecnico di conoscenze e relazioni per monitorare l'evoluzione delle problematiche legate ai livelli di residui, alle certificazioni, alle barriere fitosanitarie.
Realizzare progetti per valorizzare e promuovere l'ortofrutta in Italia e all'estero.
Realizzare progetti per valorizzare e promuovere l'ortofrutta in Italia e all'estero.
Rafforzare l'immagine del "Sistema Italia" e favorire nuove opportunit&aà di business nei nuovi mercati.
Rafforzare l'immagine del "Sistema Italia" e favorire nuove opportunit&aà di business nei nuovi mercati.
Home > Soci > Scheda socio
Scheda socio

CONSORZIO DI TUTELA ASPARAGO VERDE DI ALTEDO IGP

Piazza Unità d'Italia, 2
40051 Malalbergo (BO)
Telefono: +39.051.6620210
Fax: +39.051.872454
Contatta via mail
Vai al sito dell'azienda

Prodotti trattati:

La zona di Origine
La Igp (Identificazione geografica protetta) è un marchio de qualità che viene attribuito ai prodotti agroalimentari per i quali una ben definita qualità dipende dall’origine geografica, e la cui produzione, trasformazione e/o elaborazione avviene in una area geografica determinata. L’asparago Verde di Altedo può esser coltivato esclusivamente in 30 comuni della Provincia di Bologna e 26 della Provincia di Ferrara. 
L’asparago verde di Altedo Igp viene coltivato esclusivamente in terreni di tipo sabbioso, franco sabbioso e franco sabbioso argilloso, adeguatamente preparati ai fini dell’impianto con una lavorazione profonda da un minimo di 40 cm ad un massimo di 60 cm. Inoltre i terreni devono presentarsi ben drenati per evitare ristagni idrici. La messa dimora del materiale di propagazione (zampe o piantine) avviene in solchi, precedentemente scavati, aventi una profondità tra i 25 ed i 35 cm, e disposti in file aventi una distanza minima tra loro di un metro. La difesa fitosanitaria, prevede l’integrazione tra concimazione chimiche e sostanze organiche (letame, cornunghia, ecc).